What It Is About Men | AMY WINEHOUSE

ALBUM: FRANK  [2003]


TESTO

[Verse 1]
Understand, once he was a family man
So surely I would never, ever go through it first hand
Emulate all the shit my mother hates
I can’t help but demonstrate my Freudian fate
My alibi for taking your guy
History repeats itself, it fails to die
And animal aggression is my downfall
I don’t care about what you got, I want it all

[Chorus]
It’s bricked up in my head, It’s shoved under my bed
And I question myself again “What is it ‘bout men?”
My destructive side has grown a mile wide
And I question myself again “What is it ‘bout men?”
What is it ‘bout men?

[Verse 2]
I’m nurturing, I just wanna do my thing
And I’ll take the wrong man as naturally as I sing
And I’ll save my tears for uncovering my fears
Our behavioral patterns that stick over the years

[Chorus]
It’s bricked up in my head, It’s shoved under my bed
And I question myself again “What is it about men?”
My destructive side has grown a mile wide
And I question myself again “What is it about men?”
What is it ‘bout men?

[Chorus]
It’s bricked up in my head, It’s shoved under my bed
And I question myself again “What it is about men?”
My destructive side has grown a mile wide
And I question myself again “What it is about men?”
What is it ‘bout men?

Lyrics powered by GENIUS

TRADUZIONE

[Strofa 1]
Capisco, una volta era un uomo di famiglia
Quindi sicuramente non avrei mai, mai affrontato di prima mano
Emulando tutta la m***a che mia madre odia
Non posso far altro che dimostrare il mio destino freudiano
Il mio alibi per prendere il tuo ragazzo
La storia si ripete, non riesce a morire
E l’ aggressione animale è la mia rovina
Non mi importa di quello che hai, io voglio tutto

[Ritornello]
E’ murato nella mia testa, è spinto sotto il mio letto
E mi interrogo di nuovo “Che ne pensi degli uomini?”
Il mio lato distruttivo è cresciuto un miglio
E mi interrogo di nuovo “Che ne pensi degli uomini?”
Che ne pensi degli uomini?

[Strofa 2]
Mi sto coltivando, voglio solo fare a modo mio
E prenderò l’uomo sbagliato tanto naturalmente quanto canto
E salverò le mie lacrime per scoprire le mie paure
I nostri modelli comportamentali che si attaccano nel corso degli anni

[Ritornello]
E’ murato nella mia testa, è spinto sotto il mio letto
E mi interrogo di nuovo “Che ne pensi degli uomini?”
Il mio lato distruttivo è cresciuto un miglio
E mi interrogo di nuovo “Che ne pensi degli uomini?”
Che ne pensi degli uomini?

[Ritornello]
E’ murato nella mia testa, è spinto sotto il mio letto
E mi interrogo di nuovo “Che ne pensi degli uomini?”
Il mio lato distruttivo è cresciuto un miglio
E mi interrogo di nuovo “Che ne pensi degli uomini?”
Che ne pensi degli uomini?

THE BLACK SNACK