The District Sleeps Alone Tonight

BIRDY

ALBUM: BIRDY – 2011

Genere: INDIE POP


TESTO

Smeared black ink
Your face is ashen and I’m barely listening
To last demands
I’m staring at the asphalt wondering
What’s buried underneath

Where I am
Where I am

I’ll wear my badge
A vinyl sticker with big block letters adherent to my chest
That tells your new friends
I am a visitor here
I am not permanent
And the only thing
Keeping me dry is

Where I am (In this gaudy apartment complex)
Where I am (Explaining that I am just visiting)
Where I am (I was the one worth leaving)
(Why I was the one worth leaving)

D.C. sleeps alone tonight
D.C. sleeps alone tonight

Where I am (In this gaudy apartment complex)
Where I am (Explaining that I am just visiting)
Where I am (I was the one worth leaving)
(Why I was the one worth leaving)

The district sleeps alone tonight after the bars turn out their lights
And leave the autos swerving into the loneliest evening
And I am finally seeing why I was the one worth leaving
Why I was the one worth leaving
Why I was the one worth leaving
Why I was the one worth leaving
Lyrics powered by GENIUS

TRADUZIONE

Inchiostro nero sbavato
Il tuo viso è pallido e sto a malapena ad ascoltare
le ultime richieste
Sto fissando l’ asfalto chiedendomi
Che cosa c’è sepolto sotto

Dove sono
Dove sono

Indosserò il mio badge
Un adesivo vinile con grandi lettere stampatello aderente al mio petto
che dice dei tuoi nuovi amici
Sono un visitatore qui
Non sono un residente
E l’unica cosa
che mi tiene asciutta è

Dove sono (In questo complesso di appartamenti sgargianti)
Dove sono (spiegando che sono solo in visita)
Dove sono (ero l’ unica che valeva la pena lasciare)
(Perché l’ unica che valeva la pena lasciare)

D.C. dorme solo stasera
D.C. dorme solo stasera

Dove sono (In questo complesso di appartamenti sgargianti)
Dove sono (spiegando che sono solo in visita)
Dove sono (ero l’ unica che valeva la pena lasciare)
(Perché l’ unica che valeva la pena lasciare)

Il distretto dorme da solo stasera che i bar spengono le luci
E lasciano le auto sbandare nella sera più solitaria
E sto finalmente vedendo perché ero l’ unica che valeva la pena lasciare
Perché ero l’ unica che valeva la pena lasciare
Perché ero l’ unica che valeva la pena lasciare
Perché ero l’ unica che valeva la pena lasciare
THE BLACK SNACK

PrecedenteWithout a Word
ProssimoStrange Birds