She Even Woke Me Up To Say Goodbye

JERRY LEE LEWIS

ALBUM: She Even Woke Me Up to Say Goodbye  1970


 TESTO

Lyrics powered by GENIUS

Morning’s come and, Lord, my mind is aching, yes it is
Sunshine standing quietly at my door
Just like the dawn, my heart is silently breaking
With my tears it goes tumbling to the floor

Once again the whole town will be talking, yes they will
Lord, I’ve seen the pity that’s in their eyes
They could never understand
It’s her sorrow, it’s not a man
And no matter what they say, we know she tried

Baby’s packed her soft things and she’s left me, she’s left me, she’s left me
And I know she didn’t mean to make me cry
It’s not her heart, Lord, it’s her mind
She didn’t mean to be unkind
Why she even woke me up to say goodbye

It’s not her heart, Lord, it’s her mind
She didn’t mean to be unkind
Why she even woke me up to say goodbye
Goodbye baby

Lyrics powered by GENIUS

TRADUZIONE

THE BLACK SNACK

Il mattino arriva e, Signore, ho dolori alla testa, si
Il sole brilla sereno alla mia porta
proprio come l’alba, il mio cuore si spezza silenziosamente
Con le mi lacrime che vanno cadendo sul pavimento

Ancora una volta ne parlerà tutta la città, si lo faranno
Signore, ho visto la commiserazione nei loro occhi
Loro non capiranno mai
E’ il suo dolore, non è un uomo
e non importa ciò che dicono, sappiamo che lei ha tentato

Ha impacchettato le sue morbide cose e mi ha lasciato, lasciato
e so che non voleva farmi piangere
Non è il suo cuore, Signore, è la sua mente
Lei non voleva essere scortese
Perché non mi ha nemmeno svegliato per dirmi addio

Non è il suo cuore, Signore, è la sua mente
Lei non voleva essere scortese
Perché non mi ha nemmeno svegliato per dirmi addio
Addio amore

THE BLACK SNACK