Ode to the Mets

THE STROKES Ode to the Mets Traduzione


Ode to the Mets | THE STROKES

ALBUM: The New Abnormal  

Data di Uscita: 2020

GARAGE ROCKINDIE ROCKROCK ALTERNATIVO


TRADUZIONE BIG G

Su sul suo cavallo, su sul suo cavallo
Non mi sveglierò più qui
Ascolta una volta, non è la verità
È solo la storia che ti racconto
Facile da dire, facile da fare
Ma non è facile, beh forse per te
Spero che tu lo trovi, spero che sia buono
Spero che tu lo legga, pensa che dovresti
Ti fa perdere un po ‘di tempo mentre si siede
Ti dimensiona, pianifica il suo attacco
Batteria, per favore, Fab
E ho tutto, ho tutto
Aspettandomi in strada
Ma ora devi fare qualcosa di speciale per me
Dirò cosa ho in mente
Poi me ne andrò, poi starò bene
Sì, sono sotto il suo pollice, sono sulla sua schiena
Non mostrerò i denti troppo velocemente
Avevo bisogno di te lì, avevo bisogno di te lì
Ma non lo sapevo, non lo sapevo
Di ritorno dal viaggio, è alla porta
Quando torna, è al telefono
Occhio innocente, cuore innocente
No, non è sbagliato, ma non è giusto
Tempo innocente, fuori da solo
Non lo farò, cazzo, sono fuori controllo
Ero solo annoiato, suonare la chitarra
Ho imparato tutti i tuoi trucchi, non è stato troppo difficile
È l’ultimo ora, te lo posso promettere
Scopriro ‘la verita’ quando torno
Sono finiti i vecchi tempi
Dimenticato, è ora di restare sulla ringhiera
Il cubo di Rubik non sta risolvendo per noi
Vecchi amici, da tempo dimenticati
Aspettano tutti in fondo
L’oceano ora ha inghiottito
L’unica cosa che resta siamo noi
Quindi perdona il silenzio che stai ascoltando
Si sta trasformando in un assordante
Ruggito doloroso e vergognoso

Tradotto con Google Translate
Compositori: The Strokes


ASCOLTA TUTTA LA MUSICA CHE VUOI

Amazon Music Unlimited


The New Abnormal

Best of The Strokes



THE STROKES

The Strokes nascono a New York nel 1998 come gruppo Indie Rock.

 

Il nome sta a significare sia pugno che carezza e «riflette perfettamente l’impatto della nostra musica: a volte duri e aggressivi, a volte delicati e melodici»(FONTE).

 

Il frontman, Julian Casablancas, che odia le Pringles, ha conosciuto Albert Hammond Jr., secondo chitarrista, al collegio svizzero da bambino per incontrarlo per caso a New York anni dopo. (10 CURIOSITA’)

 

Il primo album dei The Strokes è “Is This It”, uscito nel 2001. A seguire sulla scia indie “Room on Fire” (2003) e “First Impressions of Earth” (2006).

 

A questo punto il gruppo prende un periodo di pausa per tornare sulla scena nel 2011 con Angles. Trascorrono 5 anni e pubblicano Comedown Machine e Future Present Past e nel 2020, The New Abnormal.

 

[Fonte: WikipediaOnstage]


The Black Snack

The Best is Yet to Come

THE STROKES Ode to the Mets

PrecedenteAfterglow
ProssimoMan on the Moon

SPUNTINI FRESCHI

IL TUO CONTRIBUTO E’ FONDAMENTALE!!!

TESTI + LETTI = I MIGLIORI