Live Like Horses 

ELTON JOHN

ALBUM: THE BIG PICTURE  1997


TESTO

[Verse 1]
I can’t control this flesh and blood
That’s wrapped around my bones
It moves beneath me like a river
Into the great unknown
I stepped onto the moving stairs
Before I could tie my shoes
Pried a harp out the fingers of a renegade
Who lived and died the blues
And his promise made was never clear
It just carved itself in me
All I saw was frost inside my head
On the night he said to me

[Chorus]
Someday we’ll live like horses
Free rein from your old iron fences
There’s more ways than one to regain your senses
Break out the stalls and we’ll live like horses
[Verse 2]
We’re the victims of the heartbreak
That kept us short of breath
Trapped above these bloodless streets
Without a safety net
I stood in line to join the trial
One more customer of fate
Claimed a spoke in the wheel of the wagon train
On the road to the golden gate
On the flat cracked desert I jumped ship
It just made sense to me
I’ve spent too long in the belly of the beast
And now I shall be free

[Chorus]

[Outro]
Someday, free rein from your old iron fences
There’s more ways than one to regain your senses
Break out the stalls and we’ll live like horses
Lyrics powered by GENIUS

TRADUZIONE

[Strofa 1]
Non riesco a controllare questa carne e sangue
che è avvolto intorno alle mie ossa
Si muove sotto di me come un fiume
Verso il grande ignoto
Ho fatto un passo sulle scale mobili
Prima che potessi allacciarmi le scarpe
Tolto un’arpa dalle dita di un rinnegato
Che visse e morì di blues
E la sua promessa fatta non fu mai chiara
Si è proprio scolpito in me
Tutto ciò che ho visto era brina dentro la mia testa
Di notte mi ha detto

[Coro]
Un giorno vivremo come cavalli
Briglia sciolta dalle vostre vecchie recinzioni in ferro
C’è più di un modo per riconquistare i sensi
Sfondate le stalle e vivremo come cavalli
[Strofa 2]
Noi siamo le vittime del crepacuore
Questo ci ha tenuti a corto di fiato
Intrappolati su queste strade senza sangue
Senza una rete di sicurezza
Ho fatto la fila per aderire al processo
Un altro cliente del destino
Rivendicato un discorso nelle ruote di un vagone
Sulla strada per il Golden Gate
Sul piatto desolato deserto sono saltato dalla nave
Mi da proprio un senso
Ho trascorso troppo tempo nel ventre della bestia
E ora sarò libero

[Coro]

[Outro]

Un giorno, a briglia sciolta dalle vostre vecchie recinzioni in ferro
C’è più di un modo per riconquistare i sensi
Sfondate le stalle e vivremo come cavalli
THE BLACK SNACK

PrecedenteMona Lisa & Mad Haters
ProssimoLevon