Brooklyn Bridge To Chorus

THE STROKES Brooklyn Bridge To Chorus Traduzione


Brooklyn Bridge To Chorus | THE STROKES

ALBUM: The New Abnormal  

Data di Uscita: 2020

GARAGE ROCKINDIE ROCKROCK ALTERNATIVO


TRADUZIONE BIG G

Un colpo non è mai abbastanza
Aspetto solo che andiamo in tondo
Una vita passata a dare tutto me stesso per te
(Ostile, dammi una pausa)
(Non dire che è nella bottiglia d’aria)
All’inizio mi diceva che sono suo amico
In realtà no grazie, sto bene
E poi mi inviava strani sguardi
Voglio nuovi amici, ma loro non mi vogliono
Fanno progetti mentre guardo la TV
Pensavo fossi tu, ma forse sono io
Voglio nuovi amici, ma loro non mi vogliono
E la canzone degli anni ’80 sì, come è andata?
Quando hanno detto: “Questo è l’inizio degli anni migliori”
Nonostante
Falso, rompi
Un colpo non è mai abbastanza
Aspetto solo che questo entri in circolo
E la distanza dalla mia stanza è qualcosa di così necessario?
Stavo pensando a quella cosa che hai detto ieri sera
Così noioso
E le band degli anni ’80, oh dove sono andate?
Possiamo passare al ritornello adesso?
Voglio nuovi amici, ma loro non mi vogliono
Si divertono un po ‘, ma poi se ne vanno
Sono solo loro, o forse tutto io?
Perché i miei nuovi amici sembrano non volermi
Fa male al mio caso ma va bene così
Mi fa male il caso ma va bene così
Stiamo ballando su un raggio di luna
Ancora e ancora e ancora e ancora e ancora
Più vado a fondo, meno so
È così che va
Meno so, più vado in profondità
Juliet, adoro
Più vado a fondo, meno so
Rendimenti decrescenti
Oh è così che va
Tutto quello che voglio dire
Oh, un’altra canzone
Oh, un altro giorno
Oh, un’altra canzone
Oh, un altro giorno
Oh, un’altra canzone
Oh, un’altra pausa

Tradotto con Google Translate
Compositori: The Strokes


ASCOLTA TUTTA LA MUSICA CHE VUOI

Amazon Music Unlimited


The New Abnormal

Best of The Strokes



THE STROKES

The Strokes nascono a New York nel 1998 come gruppo Indie Rock.

 

Il nome sta a significare sia pugno che carezza e «riflette perfettamente l’impatto della nostra musica: a volte duri e aggressivi, a volte delicati e melodici»(FONTE).

 

Il frontman, Julian Casablancas, che odia le Pringles, ha conosciuto Albert Hammond Jr., secondo chitarrista, al collegio svizzero da bambino per incontrarlo per caso a New York anni dopo. (10 CURIOSITA’)

 

Il primo album dei The Strokes è “Is This It”, uscito nel 2001. A seguire sulla scia indie “Room on Fire” (2003) e “First Impressions of Earth” (2006).

 

A questo punto il gruppo prende un periodo di pausa per tornare sulla scena nel 2011 con Angles. Trascorrono 5 anni e pubblicano Comedown Machine e Future Present Past e nel 2020, The New Abnormal.

 

[Fonte: WikipediaOnstage]


The Black Snack

The Best is Yet to Come

THE STROKES Brooklyn Bridge To Chorus

PrecedenteAfterglow
ProssimoMan on the Moon

spuntini freschi

IL TUO CONTRIBUTO E’ FONDAMENTALE!!!

TESTI + LETTI = I MIGLIORI