Una vita da Pendolare – Dita nel Naso

0

È quando sali su un treno che ti rendi conto in che mondo vivi. I treni sono luoghi mistici e le stazioni sono le cattedrali di questi favolosi mezzi. È venerdì pomeriggio, le persone si apprestano a fuggire dagli uffici e io ascolto Lana del Rey mentre mi appresto ad attaccare. Già le parole “My pussy tastes like pepsi cola” mi mettono di buon umore ma ancora di più il treno. Spiego subito il motivo. Qui sopra ogni giorno vedi persone atte ad aspettare l’arrivo a destinazione. “The train is now arriving in…”chissà dove, chissà in quale posto. Non importa. L’importante è vedere od osservare i loro movimenti, i gesti e le azioni.

C’è la vecchietta col carrellino porta oggetti di ogni tipo che non capisce esattamente i meccanismi dell’attualità. I viaggiatori con le valigie che guardi quasi con invidia, i ragazzi entusiasti che hanno finito la settimana scolastica, le coppie che amoreggiano, le persone nella loro più incomprendibile lamentela, zingari e barboni. Persone di ogni classe, casta, eta e moda ma soprattutto la gente che si scaccola con accidia e avarizia.

Certe caccole non vogliono proprio uscire dai cunicoli delle narici, cosi quelle dita entrano sempre di più e si muovono roteando da destra a sinistra, su e giù, in diagonale per il naso. Un attimo esce e l’ occhio cade sulla punta per vedere se l’unghia ha raccolto il prezioso trofeo della sfida. Che meraviglia!!! Non c’ è niente di più bello che cominciare una giornata lavorativa osservando una donna intenta a scaccolarsi meticolosamente, senza criterio ne ritegno, tra le file di una carrozza seduta proprio al centro.

Morale della favola: odio viaggiare in treno ma quando mi dona questi fantastici scorci lo amo più di ogni altra cosa.

 

Buon Friday Night!!!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.