She came in through the bathroom window Joe Cocker

0
 

She came in through the bathroom window Joe Cocker

ALBUM: Joe Cocker  1972

Genere: ROCK
POP
BLUES



She came in through the bathroom window

Joe Cocker


 TESTO

Lyrics powered by GENIUS

She came in through the bathroom window
Protected by a silver spoon
But now she sucks her thumb and wonders
By the banks of her own lagoon

She said she’s always been a dancer
She worked at fifteen clubs a day
And though I thought I knew the answer
I just knew what I could not say

Didn’t anybody tell her
Didn’t anybody see
Sunday’s on the phone to Monday
Tuesday’s on the phone to me

And so I quit the police department
To get myself a steady job
And though she tried her best to help me
She could steal, but she could not rob

Didn’t anybody tell her
Oh, didn’t anybody see
Sunday’s on the phone to Monday
Tuesday’s on the phone to me

Didn’t anybody tell her
Oh, didn’t anybody see
Sunday’s on the phone to Monday
Tuesday’s on the phone to me

Lyrics powered by GENIUS

TRADUZIONE

THE BLACK SNACK

E’ passata dalla finestra del bagno
protetta da un cucchiaio di argento
ma ora succhia il suo dito e fantastica
sulla banchina della sua laguna

Diceva che sarebbe sempre stata una ballerina
Lavorava al Fifteen Clubs una volta
e sebbene io pensassi di conoscere le risposte
Sapevo solamente cosa non avrei potuto dire

Nessuno le ha detto
Nessuno ha visto
Domenica è al telefono per Lunedì
Martedì è al telefono con me

e così esco dalla stazione di polizia
per trovarmi un lavoretto arrangiato
e sebbene lei tenti di fare del suo meglio per aiutarmi
Lei non potrebbe rubare, non potrebbe derubare

Nessuno le ha detto
Nessuno ha visto
Domenica è al telefono per Lunedì
Martedì è al telefono con me

Nessuno le ha detto
Nessuno ha visto
Domenica è al telefono per Lunedì
Martedì è al telefono con me

THE BLACK SNACK


SUPPORTA

CON UN CLICK



 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.