Drive-In Saturday DAVID BOWIE

0
 

ALBUM: ALADDIN SANE  [1973]

Drive-In Saturday DAVID BOWIE
Testo e Traduzione

Let me put my arms
around your head
Gee, it’s hot, let’s go to bed
Don’t forget to turn on the light
Don’t laugh babe, it’ll be alright
Pour me out another phone
I’ll ring and see
if your friends are home
Perhaps the strange ones in the dome
Can lend us a book we can read up alone

And try to get it on like once before
When people stared in Jagger’s eyes
and scored
Like the video films we saw

CHORUS
His name was always Buddy
And he’d shrug and ask to stay
She’d sigh like Twig the Wonder Kid
And turn her face away
She’s uncertain if she likes him
But she knows she really loves him
It’s a crash course for the ravers
It’s a Drive-in Saturday

Jung the foreman prayed at work
That neither hands nor limbs would burst
It’s hard enough to keep formation
amid this fall out saturation

Cursing at the Astronette 8
Who stands in steel
by his cabinet
He’s crashing out with Sylvian
The Bureau Supply
for ageing men

With snorting head he gazes to the shore
Which once had raised a sea
that raged no more
Like the video films we saw

CHORUS
It’s a Drive-in Saturday (repeat)

Lyrics powered by VELVET GOLD MINE

Lascia che metta le braccia
attorno alla tua testa
Santo cielo, è calda, andiamo a letto
Non dimenticare di accendere la luce
Non ridere bambina, andrà tutto bene
Procurami un’altro telefono
Chiamerò per vedere
se i tuoi amici sono a casa
Forse quei tipi strani sotto la cupola
Possono prestarci un libro da leggere da soli

E cerca di farlo funzionare come un tempo
Quando la gente fissava gli occhi di Jagger
e provava piacere
Come nei vecchi film che abbiamo visto

RITORNELLO
Il suo nome era sempre Buddy
E scrollava le spalle e chiedeva di restare
Lei sospirava come Twig 10 il Ragazzo Prodigio
E girava la faccia dall’ altra parte
Lei non era sicura se lui le piacesse
Ma sapeva di amarlo davvero
È un corso accelerato per arrapati
E’ un sabato da Drive-in

Jung, il caporeparto, pregava al lavoro
Che le mani o altri arti non bruciassero
E’ abbastanza difficile mantenersi intatti
con questa saturazione da pioggia radioattiva

Imprecando contro l’Astronette 11
Che si trova, d’acciaio,
vicino al suo armadietto
Lui si precipita fuori con Sylvian
L’ufficio d’Approvvigionamento
per uomini che stanno invecchiando

Sbuffando fissa la costa
Dove una volta montava un mare
che non infuria più
Come i vecchi film che abbiamo visto

RITORNELLO
E’ un sabato da Drive-in (ripeti ad inf.)

Tradotto da VELVET GOLD MINE – ITALIAN FAN CLUB

Se ti è piaciuta questa canzone potresti mettere un like alla pagina FACEBOOK 🙂

COSA NE PENSI?