Avalanche LEONARD COHEN

0
 

Leonard Cohen Avalanche - Testo, Traduzione, Video, Immagine con citazione

Avalanche LEONARD COHEN

ALBUM: Songs of Love and Hate

DATA: 1971

 

 


TESTO E TRADUZIONE

Well I stepped into an avalanche,
it covered up my soul;
when I am not this hunchback that you see,
I sleep beneath the golden hill.
You who wish to conquer pain,
you must learn, learn to serve me well.
You strike my side by accident
as you go down for your gold.
The cripple here that you clothe and feed
is neither starved nor cold;
he does not ask for your company,
not at the centre, the centre of the world.

When I am on a pedestal,
you did not raise me there.
Your laws do not compel me
to kneel grotesque and bare.
I myself am the pedestal
for this ugly hump at which you stare.

You who wish to conquer pain,
you must learn what makes me kind;
the crumbs of love that you offer me,
they’re the crumbs I’ve left behind.
Your pain is no credential here,
it’s just the shadow, shadow of my wound.

I have begun to long for you,
I who have no greed;
I have begun to ask for you,
I who have no need.
You say you’ve gone away from me,
but I can feel you when you breathe.

Do not dress in those rags for me,
I know you are not poor;
you don’t love me quite so fiercely now
when you know that you are not sure,
it is your turn, beloved,
it is your flesh that I wear.

Lyrics powered by GENIUS

Mi ha travolto una valanga,
e ha ricoperto la mia anima.
Quando non sono il gobbo che vedi,

dormo sotto la collina d’oro.
Tu che vuoi dominare il dolore,
devi imparare, imparare a servirmi.
Sei capitato per caso dalle mie parti
mentre scendevi per il tuo oro.
Lo zoppo qui che vesti e nutri

non muore ne di fame ne di freddo,
non chiede la tua compagnia
non al centro, al centro della Terra.

 

Quando sono su un piedistallo,
non mi hai innalzato li,
le tue leggi non mi impongono
a inginocchiarmi grottesco e mettermi a nudo.
Io stesso sono il piedistallo
per questa brutta gobba che stai a fissare.

Tu che vuoi dominare il dolore,,
devi imparare cosa mi rende così;
le briciole d’amore che mi offri
son le briciole che ho lasciato dietro.

Il tuo dolore non è una credenziale qui

è solo l’ ombra, l’ombra della mia piaga.

 

Ho iniziato a volerti,

io che non ho ingordigia,
io che ho cominciato a chiedere di te
io che ho necessità.
Dici di essere andata via da me,

ma riesco a sentirti respirare.


Non vestirti in quei stracci per me,
so che non sei povera,
non mi ami abbastanza così intensamente ora
quando sai che non sei sicura.

E’ il tuo turno ora, amata,
è la tua carne che indosso.

THE BLACK SNACK



Ti è piaciuta Avalanche LEONARD COHEN

 SUPPORTACI con un Like alla pagina FACEBOOK 🙂

The Black Snack Facebook Like


SE NON TI PIACE LA TRADUZIONE, HAI QUALCHE MODIFICA DA APPORTARE O VUOI CONTRIBUIRE ALLA REALIZZAZIONE DEL SITO CONTATTACI O LASCIA UN COMMENTO DI SEGUITO


 CONDIVIDI IL TESTO CON I TUOI AMICI

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.